Home

Coro e Orchestra

Soli Deo Gloria

Contatti

Chi siamo

Eventi

Foto

Documenti

Musiche

Newsletter

 

In ricordo di Gian Paolo Bovina

 

 

Il M° Bovina ed il "Soli Deo Gloria"

Il Soli Deo Gloria ha un legame con il M° Gian Paolo Bovina molto particolare.
Come solo i grandissimi sanno fare con tanta delicatezza, pazienza e determinazione, una dote del maestro era quella di portare alla luce nelle persone quei desideri alti e quella tensione al bello che ognuno di noi cova, a volte senza saperlo, nel profondo del proprio cuore.
Grazie alla sua grande competenza e al suo enorme spessore umano, trasmetteva la cultura, insegnava la tecnica e con l'esempio personale accendeva l'animo affinché questo percorso fosse una esperienza davvero libera e voluta, orientata ad innalzare la propria ed altrui lode a Dio.
Ancora al Soli Deo Gloria nessuno sembrava pensare quando gli raccontavamo del nostro fallito tentativo di costruire un gruppo stabile, a livello diocesano, per animare le veglie in Cattedrale.
Poco dopo si mise a parlarci di come sarebbe stato bello e proficuo per tutti fondare una orchestra di neodiplomati, con qualche "fuori quota" esperto, oppure del bisogno impellente di migliorare la formazione di chi anima con la musica ed il canto la liturgia.
Ottimi pensieri da cui noi, organisti dilettanti, ci sentivamo con un certo fastidio tagliati fuori, non capendo che il primo tassello era già stato posizionato.
Nel 2001 ci consigliò di chiamare il M° Gian Paolo Luppi per dirigere alcuni strumentisti in un concerto parrocchiale che segnò poi la nascita del Soli Deo Gloria. Secondo tassello.
Due anni dopo a lezione propose "Soli Deo Gloria" come nome adatto a rappresentare i nostri obiettivi: terzo tassello.
Poi insegnò ad alcuni di noi la tecnica ed affinò la nostra sensibilità per accompagnare dignitosamente un coro, si rese sempre disponibile per suonare pur essendo ben più felice se a farlo era un suo allievo, scrisse decine di armonizzazioni con la sola clausola di non essere mai citato, suggerì argomenti per incontri divulgativi o pagine del nostro sito e collaborò con il nostro direttore, suo grande amico da una vita, in un modo così intenso che nessuno saprà mai.
Tante tessere, una più bella e piacevole dell'altra, di un mosaico che si stava delineando e nello stesso tempo sempre evolvendo verso nuovi stimolanti obiettivi.
Francamente non si sa se oggi il Soli Deo Gloria rappresenta nel concreto ciò a cui Gian Paolo Bovina aveva pensato: tante altre persone, come lui stesso si augurava, hanno dato il loro contributo tecnico e umano, connotando il gruppo e rendendolo vivo ed accogliente.
Si procede con il grande dolore del distacco da un amico carissimo, e con la gratitudine di chi ha scoperto e fatto proprio, grazie anche a Gian Paolo Bovina, il desiderio di innalzare a Dio la lode in musica e canto, insieme ai fratelli.

 

Sottoscrizione per il restauro dell'organo di San Giovanni in Persiceto

Omelia al funerale

A Gian Paolo con musicale gratitudine e rimpianto - Conservatorio di Bologna

L'eredità di Gian Paolo Bovina

 

 


Privacy Copyright © 2005-2020 - Annalisa Massa & Andrea Treggia